[Fotovoltaico] Il più economico e versatile di sempre

[Fotovoltaico] Il più economico e versatile di sempre

16/05/2018

La nuova frontiera del fotovoltaico: più economico e versatile.

L'azienda Italiana Ribes Tech sta sviluppando una nuova tecnologia che ci permetterà nuove applicazioni per il fotovoltaico riducendo i costi di produzione e quindi di acquisto. Ma quali sono le differenze dal vecchio impianto fotovoltaico?

L'idea di base è quella di creare una pellicola di plastica che possa trasformarsi in una cella fotovoltaica.

Ma come è possibile?

La nuova startup di Milano ha raccolto la sfida nel 2016 decidendo di voler trasformare una semplice pellicola di plastica in un impianto fotovoltaico vero e proprio tramite la stampa con un particolare inchiostro conduttore processato con le nanotecnologie.

Ma non eravamo già all'avanguardia con gli impianti fotovoltaici?

Il fotovoltaico tradizionale è un campo già maturo godendo di decenni ricerche e più di trent'anni di applicazioni tecniche e commerciali. Il problema è che un impianto fotovoltaico è costituito da silicio che, come tutti sappiamo, ha un certo impatto ambientale, architettonico e estetico.

Ore le cose stanno prendendo una nuova piega.

Il CEO di Ribes Tech, Antonio Iacchetti spiega:

“Grazie all’utilizzo del processo nanotecnologico siamo in grado di prendere dei materiali conduttori, di manipolarli a livello molecolare e renderli quindi simili a un normale inchiostro che viene poi stampato su pellicola. Quando l’inchiostro si asciuga, le nanoparticelle mantengono le loro proprietà e possono trasformare la luce in energia”.

Rispetto al classico pannello fotovoltaico ci sono diversi vantaggi:

  1. Dimensione e Forma. Essendo una pellicola di plastica stampata con una classica macchina rotativa può avere qualsiasi forma che si desideri, ci da, quindi, la possibilità di seguire tutte le forme con le dimensioni che preferiamo.

  2. In secundis si ha la possibilità di cambiare colore in base alle preferenze e a seconda della destinazione di utilizzo. Se interno o esterno.

 

Grazie a queste caratteristiche ogni superficie può diventare un vero e proprio pannello fotovoltaico e così facendo ogni dispositivo, soprattutto se portatile, può essere alimentato dalla luce e non dipendere più esclusivamente solo dal litio delle batterie. Basti pensare che sarà sufficiente collegare un "pannello" di questi sul tuo cellulare e nel momento in cui lo poserai sul tavolo sotto la luce del sole o del lampadario di casa, quella luce si trasformerà in ore di chiamate o navigazione internet.

 

Dobbiamo inoltre considerare il lato ecologico di questi film fotovoltaici che essendo fatti di plastica possono essere riciclati, finita la loro vita, come se fossero delle semplici bottiglie d'acqua. Per quanto riguarda la produzione e le sue tempistiche possiamo dire che sono sicuramente migliorative rispetto ai classici impianti. In 2 ore di lavoro l'azienda è in grado di produrre un chilometro di celle. Tempi di produzione che potranno sicuramente essere migliorati a breve.

 

Ma quali sono i possibili utilizzi di questi pannelli? A tal proposito, le idee chiare del CEO della Startup milanese sono queste:

“Stiamo cercando di sfruttare le celle dove i vantaggi sono più sensibili senza però dover competere con i grandi colossi del fotovoltaico. Le applicazioni che abbiamo trovato più interessanti sono due: la più immediata, sul quale stiamo lavorando, è utilizzare questa pellicola per alimentare dispositivi elettronici wireless. Ricopriamo i sensori elettronici degli impianti domotici in modo tale che la loro superficie diventi una fonte di energia più continua e duratura rispetto alle classiche batterie che hanno un tempo di vita limitato. Questa idea vorremmo poi applicarla, in un futuro prossimo, anche all’elettronica portatile, usando i vestiti come tramite per generare l’energia necessaria per ricaricare i cellulari”.

Possiamo quindi affermare che l’idea dell’azienda è quella di applicare queste pellicole su oggetti che necessitano di batterie ricaricabili come per il funzionamento ma anche tutto ciò che le circonda quindi andiamo dal telefonino alla borsa o alla giacca, dalle etichette a qualsiasi dispositivo internet of things.

Non è una tecnologia che vedrà presto applicazioni in campi edili come per i normali pannelli fotovoltaici ma sicuramente avrà una prospettiva molto interessante per tutto quel che riguarda l’applicazione nella vita di tutti i giorni.

Vimax si tiene costantemente aggiornata sulle nuove tecnologie per offrire sempre il meglio su tutte le richieste.

 

Telefono 0721370803
Mail info@vimaximpianti.it

CONTATTACI PER INFORMAZIONI, SIAMO A TUA DISPOSIZIONE